Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2014

Etruscon 2014

Da toscano non posso non spendere un post di questo blog per fare pubblicità ad EtrusCon, la convention di gioco indipendente della Toscana. Nella migliore tradizione delle Con indie anche in quel di Montecatini Terme si va per giocare, provare titoli nuovi e magari (se siete autori) per sottoporre le vostre creazioni direttamente a un pubblico appassionati. E' possibile anche incontrare gli autori, e in questa edizione invernale del 2014 (EtrusCon, infatti, si compone di due appuntamenti annuali) sarà presente Gregor Vouga, ideatore di Saga of the Icelanders (un hack di Mondo di Apocalisse). Tutte le informazioni per gli alloggi, i costi e il calendario degli eventi le trovate sul sito, del quale trovate il link in fondo all'articolo. Oltre a giocare e a divertirvi vi consiglio anche di non farvi mancare una bella scorpacciata delle famose cialde di Montecatini, magari abbinate a un bel gelato.




Sito ufficiale di Etruscon

Avventure in Prima Serata, la mia esperienza

Quello di Matt Wilson è il primo gdr new wave che ho provato. Complice la presenza di un gruppo di giocatori curiosi di scoprire un esperienza di gioco nuova e individualmente molto creativi, sono riuscito ad apprezzarlo davvero molto. Ho giocato da Produttore e, a parte qualche difficoltà iniziale dovuta alle mie passate esperienze di arbitraggio tradizionale, il gioco ha cominciato ben presto a scorrere meravigliosamente: insomma, così come è scritto funziona davvero bene e rimane la voglia di riprovarlo.

Della versione Narrattiva, purtroppo, non apprezzo molto la copertina e la grafica in generale: anche la copertina di cartoncino è troppo rigida, avrei preferito qualcosa di più flessibile, magari plastificata. In ogni caso rimane un gran gioco.

Metto a disposizione le sintesi delle puntate che abbiamo via via redatto. Non sono veri e propri actual play. La nostra serie era da nove episodi (ma li abbiamo giocati in una quindicina di sedute), ambientata in una versione steampunk de…

Quando gli italiani erano "sulla scena"

Molti dei giocatori più giovani forse non l'hanno nemmeno sentito nominare, ma quando in Italia il gdr aveva un pò di mercato e c'era voglia di innovare rispetto a dei canoni che, forse, erano già sentiti come univoci (AD&D, GiRSA, D100, etc.), fu pubblicato un gioco di ruolo molto interessante. L'autore era Luca Giuliano (nome ben noto in ambiente ludico) e il gioco in questione si intitolava On Stage!. Non mi dilungo nel parlare del suo successo e della sua storia (sull'INCbook del 2010, Riflessioni Appassionate, lo fa molto bene Andrea Angiolino in un articolo esaustivo). Mi limiterò a segnalare la pagina ufficiale di riferimento, dalla quale è possibile scaricare diverso materiale (tra cui una versione di prova) e acquistare il gioco e le sue espansioni. Indicativo dello spazio speciale che questo titolo si è ritagliato nel cuore degli appassionati, è il fatto che a distanza di anni (e senza che sia più sostenuto da nuove uscite ufficiali o pubblicità) vengano…

Come si cambia idea

Frugando in vecchie mail ne ho ritrovata una nella quale parlavo ad alcuni amici dei gdr "nuovi", che avevo appena scoperto su internet. Certe volte è buffo vedere come si cambia radicalmente idea...

Come complicare le cose.

Ecco i gdr New Wave, con manuali strani, narrativisti, ambientazioni
stranissime se non improbabili e addirittura una specie di teoria
filosoficheggiante questa

http://beldsblog.blogspot.com/2009/09/la-teoria-forgita-dietro-i-gdr-new-wave.html


su questo forum ne parlano come chissà cosa.....a me sembra ch "On
stage" fosse già arrivato a queste soluzioni mah........


http://www.gdrzine.com/forum/viewforum.php?f=163&sid=c507dbbae96935172e62759c0aefbc83



mi sembrano semplicemente dei giochi di narrazione