Passa ai contenuti principali

Il popolo del libro (game)

Molti giocatori classe 1980 (ma anche quelli precedenti e successivi) si ricordano bene dei librigame. Fanno di sicuro parte anche dei miei ricordi di infanzia e adolescenza. Nel 1985 le Edizioni E. Elle portarono in Italia quello che per noi fu il Geronimo Stilton del fantasy, ovvero le avventure di Lupo Solitario. Fu una novità che ebbe un suo discreto successo all'epoca: i libri game si trovavano persino nelle edicole e in alcuni grandi supermercati. La E. Elle, per altro, non tradusse solo Lupo solitario ma una serie interminabile di collane di questi giochi di storie interattive. Ovviamente sorsero anche i concorrenti, e come non ricordare la collana della Mondadori Scegli la tua avventura o la serie dedicata a Indiana Jones (entrambe dedicate a un pubblico più giovane). Il fenomeno durò per un be pò e influenzò anche testate per ragazzi come Topolino che inizò, così, a proporre le famose "storie a bivi".

La moda dei libri game negli novanta era già molto ridimensionata e per anni sono caduti nel dimenticatoio, conservati nelle collezioni dei fan più accaniti: in particolar modo Lupo Solitario che vanta un grande seguito di vecchi fans in Italia ed una comunità virtuale molto attiva.

I libri game, per chi non lo sapesse, sono come dei romanzi da giocare, delle storie a bivi ma con un pizzico di gioco di ruolo; non nel senso di interazione sociale (perchè si gioca da soli, quasi sempre, leggendo il libro) ma più da un punto di vista di gestione delle risorse, combattimento e magia. Nella trama ci sono dei passaggi obbligati, dei punti nodali della vicenda dai quali di solito si passa in ogni caso, ma poi ci sono le scelte da fare che possono portare anche a finali disastrosi (e allora si ricominciava anche daccapo nella lettura per arrivare al lieto fine per il proprio eroe) oppure semplicemente porta a finali alternativi. Un modo di concepire le storie che aveva qualcosa in comune anche con certi videogiochi "punta e clicca" in auge in quegli anni.

PARTECIPATIVO MA NON CREATIVO
Penso che questo modo di giocare le storie abbia in qualche modo influenzato molto la mentalità dei giocatori di ruolo di quegli anni. I libri game offrivano un approccio partecipativo, ma non creativo, alla storia da giocare. Si legge la storia, si fanno delle scelte che possono portare a finali diversi (e i singoli volumi di una stessa collana erano anche interconnessi, molto spesso) ma non si porta nella fiction nulla di proprio, niente che non sia comunque previsto dallo schema preordinato dell'Autore: questo aspetto, però, era tranquillamente accettato e non inficiava il divertimento. Come in un romanzo "normale" il gusto di andare avanti sta nel giungere alla conclusione della storia, non nel cambiarla o nell'inserirvi delle idee proprie. Se vogliamo anche il gdr tradizionale ha un approccio di questo tipo: ovvero partecipativo, a bassa (talvolta nulla) frequenza creativa; in questo caso però la figura autoriale del DM può essere molto meno simpatica. Non sto leggendo un libro, anzi, nella quarta di copertina del manuale mi è stato promesso che plasmerò la storia dei personaggi che andrò a creare (a seconda dell'ambientazione), che sarà come se fossi io con le mie scelte a cambiare il mondo immaginato nel quale muoverà il mio alter ego; la cosa che non scrivono mai è "salvo concessione del DM".


I LIBRI GAME OGGI

Insomma, siamo noi degli anni '80 e '70 il popolo del libro game, quelli che avevano la scatola rossa accanto alla Crociata della Morte di Lupo Solitario sullo scaffale dei giochi: quelli che vedendo D&D hanno pensato, "ganzo, è tipo un libro game ma più potente e si può giocare in più d'uno". Ma oggi come stanno i libri game? Pare stiano tornando, seppur timidamente, sotto varie fogge alla ribalta. E' d'obbligo segnalare che la casa editrice Vincent Books cercherà di riproporre la ristampa dei famosi libri di Joe Dever; è già uscito I Signori delle Tenebre e stavolta sarete un Kai e non un Ramas. Inoltre la Cubicle 7 ha annunciato che pubblicherà il nuovo gdr di Lupo Solitario: speriamo che sia molto gdr e poco libro game (dato che quest'ultimo svolge già alla perfezione il suo dovere). Sempre sul versante novità, è anche uscito un videogioco per Android ed Apple, Lone Wolf Blood on Snow. Esulando dalle creazioni di Joe Dever, una simpatica alterntiva al vecchio libro game sembrano essere i "fumetti-gioco" (non so come altro chiamarli) di Cranio Creations. A testimonianza del fatto che come tipologia ludica i libri game sono rimasti, nascosti e ridimensionati per molti anni, ma non totalmente dimenticati.

Post popolari in questo blog

Mondi di carta addio!

Nelle librerie dei giocatori di ruolo più legati all'approccio tradizionale, una buona fetta di spazio è da sempre occupata dai manuali di ambientazione. Tomi spesso poderosi e coloratissimi che descrivono mondi mai esistiti nei quali ambientare, appunto, le avventure dei personaggi di fantasia dei giocatori: alcune di queste pubblicazioni sono caratterizzate da una cura quasi maniacale nella descrizione della storia di interi continenti, culture e religioni. Le ambientazioni di genere fantasy sono quelle che sono sempre andate per la maggiore, ma senza nulla togliere alla mole di volumi prodotti per ambientazioni più eterodosse come Il Mondo di Tenebra della White Wolf che pare eguagliato, per vastità del piano editoriale, solo dalla serie dei romanzi Harmony.





LE FANTA-ENCICLOPEDIE
Da quando ho iniziato a provare gdr di tipo moderno, ho riveduto molto la considerazione nella quale tenevo queste produzioni para-letterarie. Un tempo, nemmeno troppo lontano, anche i miei scaffali so…

Sentinelle (versione non definitiva)

Con piacere metto a disposizione la versione non definitiva di Sentinelle, un mondo di Fate che ho scritto in varie fasi e tempi per poter creare la propria partita di super eroi e super eroine. Non è ancora la versione definitiva e ci sono molte cose che vorrei inserire: ma è già qualcosa, e non potendo fare a breve un playtesting serrato magari qualcuno, là fuori, avrà voglia di leggere, provare e commentare.
Il mio intento è di permette ai giocatori di creare una saga supereroistica da zero: possono essere giocate ambientazioni più vicine agli universi fumettistici americani classici o atmosfere meno appariscenti come quelle offerte da serie tv come Alphas o Heroes, o da film quali Unbreakable.

Mi scuso in anticipo per eventuali refusi e possibili intoppi nelle spiegazioni ma si tratta, appunto, di un progetto fatto nel tempo libero e ancora in embrione per molti aspetti. Rimango a disposizione per chi fosse interessato.

SENTINELLE

13th Age e D&D 5: un breve parallelo

Negli ultimi mesi ho avuto modo di arbitrare, in tempi abbastanza ravvicinati, sia D&D 5 che 13th Age. Il primo utilizzando il modulo Lost Mines of Phandelver e il secondo, invece, con l'ambientazione di base del Dragon Empire e un'avventura creata da me sulla base degli spunti fornitimi dai giocatori in fase di creazione del personaggio. Ricordo che D&D 5 è uscito nel novembre 2014, sotto l'egida di un colosso dell'intrattenimento qual'è Hasbro, mentre 13th Age, di Rob Heinsoo e Jonathan Tweet, esce nell'estate del 2013 per la ben più piccola Pelgrane Press.

Si tratta di due giochi che cercano di andare incontro ad alcune esigenze che il giocatore di questi tempi ha visto, sicuramente, disattese da edizioni precedenti dello stesso Dungeons&Dragons e di altri giochi del recente passato editoriale. Le parole d'ordine diventano; maggiore semplicità, narratività, protagonismo dei giocatori, linee editoriali più essenziali e ordinate. I due titoli …