Passa ai contenuti principali

Giocare le storie con Beniamino Sidoti

Oggi faccio il libraio informatico, e consiglio di dare un occhiata a questo nuovo volume di Beniamino Sidoti, il cui titolo, per altro, si "intona" perfettamente a questo blog: Eccetera, giocare con le storie per viverle, capirle, cambiarle insieme edito dalle Edizioni La Meridiana. Sidoti è un autore che non ha bisogno di presentazioni nel panorama ludico italiano; uno dei rari personaggi del nostro Paese, di buon livello culturale, che si sia occupato anche di giochi di ruolo (i suoi interessi ludici e pedagogici sono molteplici). Oltre a lui mi viene in mente solo Luca Giuliano. Ciò che mi ha maggiormente colpito è che, leggendo la quarta di copertina disponibile nell'anteprima del libro, mi è subito venuto in mente un gdr in particolare, ovvero Avventure in Prima Serata: il concetto è lo stesso, si gioca per vedere insieme che cosa succede. Questo il passaggio rivelatore:

Questi giochi, e le storie che ne emergono, non girano intorno alla performance individuale, quanto al risultato collettivo: si mette qualcosa al centro e tutti si lavora insieme. In nessun gioco il risultato è atteso: e quello che emerge cambia dal gruppo, e nel gruppo torna.

Se gli obiettivi e le caratteristiche dei gdr nuovi cominciano a incrociarsi con riflessioni culturali e pedagogiche di ampio respiro, forse possiamo avere in questo una conferma che sono i frutti del game design moderno a poter effettivamente traghettare questo particolarissimo ambito ludico, che è il gdr, fuori dalla stagnante marginalità sociale nel quale languisce. E' questo l'approccio vincente, anche per una presentazione che vada al di là dei gruppi ristretti di giocatori accaniti. La mia esperienza di ex-giocatore accanito di gdr tradizionali mi dice che la risposta è sì; e anche se la mia esperienza è una goccia nel mare, di sicuro relativa, io sono convinto che se c'è un futuro per quest'hobby non sta in D&D and company ma in giochi come Dungeon World o Aips. Magari la mia è una conclusione affrettata e un po' entusiasta; forse è solo un intuizione passeggera, ma le somiglianze semantiche sono impressionanti (come se allo stesso risultato si potesse arrivare da altre strade). Di sicuro in questo compito di de-marginalizzazione  il gdr tradizionale (compreso in tutte le sue forme di auto-esplicitazione: pubblicità, modalità di diffusione editoriale, presenza nei negozi, accoglienza sociale nei gruppi) ha abbondantemente ceduto il passo: anzi, si può dire senza tema di venir smentiti che, non sempre ma spesso, ha prodotto un ambiente quanto mai ostile alla dialettica, arroccato in un elitario corporativismo nostalgico.

P.S.: questo lo dico per "alcuni" editori. Ma perchè non sottoporre all'analisi di personaggi come Sidoti giochi seminali come Psi*Run o Aips? La butto lì... magari nel contesto tranquillo e rilassato di qualche convention.

Post popolari in questo blog

Mondi di carta addio!

Nelle librerie dei giocatori di ruolo più legati all'approccio tradizionale, una buona fetta di spazio è da sempre occupata dai manuali di ambientazione. Tomi spesso poderosi e coloratissimi che descrivono mondi mai esistiti nei quali ambientare, appunto, le avventure dei personaggi di fantasia dei giocatori: alcune di queste pubblicazioni sono caratterizzate da una cura quasi maniacale nella descrizione della storia di interi continenti, culture e religioni. Le ambientazioni di genere fantasy sono quelle che sono sempre andate per la maggiore, ma senza nulla togliere alla mole di volumi prodotti per ambientazioni più eterodosse come Il Mondo di Tenebra della White Wolf che pare eguagliato, per vastità del piano editoriale, solo dalla serie dei romanzi Harmony.





LE FANTA-ENCICLOPEDIE
Da quando ho iniziato a provare gdr di tipo moderno, ho riveduto molto la considerazione nella quale tenevo queste produzioni para-letterarie. Un tempo, nemmeno troppo lontano, anche i miei scaffali so…

Sentinelle (versione non definitiva)

Con piacere metto a disposizione la versione non definitiva di Sentinelle, un mondo di Fate che ho scritto in varie fasi e tempi per poter creare la propria partita di super eroi e super eroine. Non è ancora la versione definitiva e ci sono molte cose che vorrei inserire: ma è già qualcosa, e non potendo fare a breve un playtesting serrato magari qualcuno, là fuori, avrà voglia di leggere, provare e commentare.
Il mio intento è di permette ai giocatori di creare una saga supereroistica da zero: possono essere giocate ambientazioni più vicine agli universi fumettistici americani classici o atmosfere meno appariscenti come quelle offerte da serie tv come Alphas o Heroes, o da film quali Unbreakable.

Mi scuso in anticipo per eventuali refusi e possibili intoppi nelle spiegazioni ma si tratta, appunto, di un progetto fatto nel tempo libero e ancora in embrione per molti aspetti. Rimango a disposizione per chi fosse interessato.

SENTINELLE

13th Age e D&D 5: un breve parallelo

Negli ultimi mesi ho avuto modo di arbitrare, in tempi abbastanza ravvicinati, sia D&D 5 che 13th Age. Il primo utilizzando il modulo Lost Mines of Phandelver e il secondo, invece, con l'ambientazione di base del Dragon Empire e un'avventura creata da me sulla base degli spunti fornitimi dai giocatori in fase di creazione del personaggio. Ricordo che D&D 5 è uscito nel novembre 2014, sotto l'egida di un colosso dell'intrattenimento qual'è Hasbro, mentre 13th Age, di Rob Heinsoo e Jonathan Tweet, esce nell'estate del 2013 per la ben più piccola Pelgrane Press.

Si tratta di due giochi che cercano di andare incontro ad alcune esigenze che il giocatore di questi tempi ha visto, sicuramente, disattese da edizioni precedenti dello stesso Dungeons&Dragons e di altri giochi del recente passato editoriale. Le parole d'ordine diventano; maggiore semplicità, narratività, protagonismo dei giocatori, linee editoriali più essenziali e ordinate. I due titoli …