Passa ai contenuti principali

Boomstick Award 2014



Proprio non conoscevo questo premio che ci si scambia fra blog. Vado al sodo quindi; riporto il regolamento (come da regolamento) e le mie sette scelte, che in questo caso riguardano tutte blog sul gdr.

Per conferirlo, è assolutamente necessario seguire queste semplici e inviolabili regole:

1 – i premiati sono 7. Non uno di più, non uno di meno. Non sono previste menzioni d’onore
2 – i post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi a mo’ di consolazione
3 – i premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. È sufficiente addurre un pretesto
A cui aggiungo una quarta regola, ché l’anno scorso me le hanno fatte girare:
4 – è vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite



RPG SHARK: perché prova i giochi che recensisce e li recensisce con metodo. Questo basterebbe: ma ci aggiungiamo lo splendido pesce di aprile del 2013 ovvero l'articolo sul gdr dei Manowar!


IMBRATTABIT: perchè a differenza mia sa impaginare il blog e dargli un aspetto grafico coerente. E poi perché scruta il web alla ricerca di giochi da segnalare e trova sempre qualcosa che mi è sfuggito.


CRONACHE DEL GATTO SUL FUOCO: perché è stato il primo a scrivere un resoconto completo su 13th Age. Perchè mi piace il titolo del blog e per questo articolo.


ELEMENTI FINITI: perché parla di giochi moderni e interessanti senza pagare pegno a nostalgie.


QILONG: perché con l'autore del blog ed un altro ragazzo ho tradotto il quickstart di Burning Wheel. Perchè spesso parla dei giochi di Crane.


I CANCELLI DI HELLWINTER: perché la sua versione di D&D (Dragon Sword) poteva bastare e avanzare. Perché ci si può ben documentare sulla OSR.


MONDOSOTTERRANEO: perché l'omonima pubblicazione che sfornano ha ridefinito, al rialzo, gli standard di qualità delle fanzine di gdr italiane



Post popolari in questo blog

Mondi di carta addio!

Nelle librerie dei giocatori di ruolo più legati all'approccio tradizionale, una buona fetta di spazio è da sempre occupata dai manuali di ambientazione. Tomi spesso poderosi e coloratissimi che descrivono mondi mai esistiti nei quali ambientare, appunto, le avventure dei personaggi di fantasia dei giocatori: alcune di queste pubblicazioni sono caratterizzate da una cura quasi maniacale nella descrizione della storia di interi continenti, culture e religioni. Le ambientazioni di genere fantasy sono quelle che sono sempre andate per la maggiore, ma senza nulla togliere alla mole di volumi prodotti per ambientazioni più eterodosse come Il Mondo di Tenebra della White Wolf che pare eguagliato, per vastità del piano editoriale, solo dalla serie dei romanzi Harmony.





LE FANTA-ENCICLOPEDIE
Da quando ho iniziato a provare gdr di tipo moderno, ho riveduto molto la considerazione nella quale tenevo queste produzioni para-letterarie. Un tempo, nemmeno troppo lontano, anche i miei scaffali so…

13th Age e D&D 5: un breve parallelo

Negli ultimi mesi ho avuto modo di arbitrare, in tempi abbastanza ravvicinati, sia D&D 5 che 13th Age. Il primo utilizzando il modulo Lost Mines of Phandelver e il secondo, invece, con l'ambientazione di base del Dragon Empire e un'avventura creata da me sulla base degli spunti fornitimi dai giocatori in fase di creazione del personaggio. Ricordo che D&D 5 è uscito nel novembre 2014, sotto l'egida di un colosso dell'intrattenimento qual'è Hasbro, mentre 13th Age, di Rob Heinsoo e Jonathan Tweet, esce nell'estate del 2013 per la ben più piccola Pelgrane Press.

Si tratta di due giochi che cercano di andare incontro ad alcune esigenze che il giocatore di questi tempi ha visto, sicuramente, disattese da edizioni precedenti dello stesso Dungeons&Dragons e di altri giochi del recente passato editoriale. Le parole d'ordine diventano; maggiore semplicità, narratività, protagonismo dei giocatori, linee editoriali più essenziali e ordinate. I due titoli …

On Mighty Thews - Recensione

Avevo scritto che non volevo presentare recensioni questo blog quindi per non sbugiardarmi del tutto scriverò una mini-recensione di On Mighty Thews di Simon Carryer, pubblicato in italiano da Coyote Press nel 2015.

COSA PROPONE ON MIGHTY THEWS? Il gioco vi propone di avventurarvi nel genere dello sword and sorcery, in poche parole il fantasy in stile "Conan il barbaro" o "Fafhrd e Graymouser". Un tipo di fantasy dove la magia assume forme rituali ancestrali e pericolose, dove i popoli ricordano le antiche culture terrestri di epoche arcaiche (dall'antico Egitto alla Roma imperiale, dai popoli barbarici del nord Europa alle culture tribali africane): gli eroi, inoltre, sono spesso personaggi che vivono di espedienti, mossi da istinti molto marcati (passione, avidità, vendetta, audacia sconsiderata, sete di potere). Questi sono solo alcuni archetipi di base di questo genere, poi molti autori diversi li hanno declinati a loro piacimento. Il libretto di gioco è di…