Passa ai contenuti principali

Venti Anni di Anonimagdr!

Con molto piacere il motivo per cui rimetto mano a queste pagine è per fare i complimenti alla fanzine  fiorentina Anonimagdr, che nel corso dell'ultima edizione di FirenzeGioca ha festeggiato i suoi venti anni di vita! Ho avuto anche io il piacere di far parte della redazione per molti anni e ancora oggi, se ne ho la possibilità, collaboro con loro.
Non potevo esimermi dal fare una visita ai prodi fanzinari in occasione di questo importante ventennale ed ho scoperto che c'erano davvero tante belle sorprese per i visitatori del loro stand. Intanto la redazione aveva creato (ad hoc per l'occasione) un gioco di carte fantasy che era possibile provare sul posto: per chi se lo fosse perso lo si può scaricare a questo link. Il nome del gioco è quasi uno scioglilingua e il tono generale delle illustrazioni e dei contenuti è il classico mix di Anonimagdr di parodia e simpatia!
I disegni sulle carte e le rispettive didascalie strappano più di un sorriso.


Dietro il banco della fanzine campeggiava uno splendido striscione di 4 metri, con sopra stampato il logo e un collage delle copertine dei vari numeri: le stesse copertine hanno fatto bella mostra di sé per tutta la durata della manifestazione, in un allestimento permanente sulla balconata dell'ObiHall di Firenze.

Come se non bastasse la redazione ha collaborato con la giuria del Gioco di Ruolo dell'Anno 2014, del Lucca Comics&Games, offrendo partite dimostrative dei tre giochi finalisti. Il sottoscritto ha portato una demo di Dungeon World che potete trovare sull'ultimo numero uscito della fanzine; esattamente qui. Ma ci sono state partite anche per Savage Worlds (gioco che poi ha prevalso) e 3.16 della Coyote Press.

Per vari motivi sono dovuto andar via presto ma la demo è andata bene ed i giocatori erano soddisfatti; e poi gli amici di Anonimagdr si rivedono sempre volentieri. Sosteneteli, leggeteli e scaricateli!

Ad Maiora!

Post popolari in questo blog

Mondi di carta addio!

Nelle librerie dei giocatori di ruolo più legati all'approccio tradizionale, una buona fetta di spazio è da sempre occupata dai manuali di ambientazione. Tomi spesso poderosi e coloratissimi che descrivono mondi mai esistiti nei quali ambientare, appunto, le avventure dei personaggi di fantasia dei giocatori: alcune di queste pubblicazioni sono caratterizzate da una cura quasi maniacale nella descrizione della storia di interi continenti, culture e religioni. Le ambientazioni di genere fantasy sono quelle che sono sempre andate per la maggiore, ma senza nulla togliere alla mole di volumi prodotti per ambientazioni più eterodosse come Il Mondo di Tenebra della White Wolf che pare eguagliato, per vastità del piano editoriale, solo dalla serie dei romanzi Harmony.





LE FANTA-ENCICLOPEDIE
Da quando ho iniziato a provare gdr di tipo moderno, ho riveduto molto la considerazione nella quale tenevo queste produzioni para-letterarie. Un tempo, nemmeno troppo lontano, anche i miei scaffali so…

13th Age e D&D 5: un breve parallelo

Negli ultimi mesi ho avuto modo di arbitrare, in tempi abbastanza ravvicinati, sia D&D 5 che 13th Age. Il primo utilizzando il modulo Lost Mines of Phandelver e il secondo, invece, con l'ambientazione di base del Dragon Empire e un'avventura creata da me sulla base degli spunti fornitimi dai giocatori in fase di creazione del personaggio. Ricordo che D&D 5 è uscito nel novembre 2014, sotto l'egida di un colosso dell'intrattenimento qual'è Hasbro, mentre 13th Age, di Rob Heinsoo e Jonathan Tweet, esce nell'estate del 2013 per la ben più piccola Pelgrane Press.

Si tratta di due giochi che cercano di andare incontro ad alcune esigenze che il giocatore di questi tempi ha visto, sicuramente, disattese da edizioni precedenti dello stesso Dungeons&Dragons e di altri giochi del recente passato editoriale. Le parole d'ordine diventano; maggiore semplicità, narratività, protagonismo dei giocatori, linee editoriali più essenziali e ordinate. I due titoli …

On Mighty Thews - Recensione

Avevo scritto che non volevo presentare recensioni questo blog quindi per non sbugiardarmi del tutto scriverò una mini-recensione di On Mighty Thews di Simon Carryer, pubblicato in italiano da Coyote Press nel 2015.

COSA PROPONE ON MIGHTY THEWS? Il gioco vi propone di avventurarvi nel genere dello sword and sorcery, in poche parole il fantasy in stile "Conan il barbaro" o "Fafhrd e Graymouser". Un tipo di fantasy dove la magia assume forme rituali ancestrali e pericolose, dove i popoli ricordano le antiche culture terrestri di epoche arcaiche (dall'antico Egitto alla Roma imperiale, dai popoli barbarici del nord Europa alle culture tribali africane): gli eroi, inoltre, sono spesso personaggi che vivono di espedienti, mossi da istinti molto marcati (passione, avidità, vendetta, audacia sconsiderata, sete di potere). Questi sono solo alcuni archetipi di base di questo genere, poi molti autori diversi li hanno declinati a loro piacimento. Il libretto di gioco è di…