Passa ai contenuti principali

13th Age versione italiana: traduzioni e tradimenti

Su queste pagine mi sono occupato di 13th Age in diverse occasioni e sappiamo che, ormai, questo gioco ha fatto il suo ingresso sul mercato italiano con una traduzione dedicata. Un mio vecchio articolo è anche stato inserito, col mio benestare ed alcune aggiunte, sul sito ufficiale della Wyrd edizioni per presentare il gioco. Quanto di buono ho detto sul prodotto per me rimane invariato; purtroppo non sono rimasto soddisfatto del lavoro sulla versione italiana.
Ho comprato il gioco nella sua bella scatola riponendo diverse speranze in questa localizzazione e ho anche apprezzato alcune scelte editoriali (la mappa-poster già presente col manuale base, i bordi-pagina diversi, l'avventura introduttiva in un fascicolo a sé stante); leggendo il testo, purtroppo ho avuto subito una cattiva impressione. Ora io non sono un traduttore e non giudico in merito alla tecnica di traduzione o alla conoscenza dell'inglese di chi ha fatto il lavoro (qualità che di sicuro io non ho), ma rimango basito sul risultato finale.
Mi sono ritrovato a leggere un testo "legnoso", un italiano pieno di ripetizioni (le arpie, se non ricordo male, sono "furie che combattono furiosamente"), incerto nei periodi e, in una espressione, veramente brutto, fastidioso come le unghie raschiate su una lavagna: sembrava di stare davanti ad una bozza e non ad un lavoro finito o quanto meno non rivisto da qualcuno con un minimo di amore per la lingua italiana.
Poi ho trovato anche dei gravi errori nella disposizione delle informazioni: quando ho visto che avevano scambiato la tabella dei danni delle armi del bardo con quella del guerriero ho chiuso il volume e l'ho messo in vendita su internet. Ora vedo che molti comprano lo stesso il gioco ma di questi acquirenti  quanti sanno che ci sono numerosi errori che inficiano il funzionamento del gioco? Ne è una riprova il corposo elenco di errata pubblicato da un acquirente del gioco (notate bene non dall'editore) e pubblicato dal blog Cronache del gatto sul fuoco sulla pagina Facebook ufficiale del gioco. In poche parole reputo questa edizione italiana di 13th Age una buona occasione azzoppata da una traduzione che non invita alla lettura e da una serie di errori che potevano essere tranquillamente evitati.


Al liceo la professoressa di latino e greco ci diceva che ogni traduzione è anche un po' un tradimento: dopo una prima stesura in brutta (si diceva traduzione alla lettera) ci insegnavano a rimettere a posto il testo affinché fosse scorrevole e godibile nella lettura (senza per questo commettere errori formali o stravolgerne il senso). Ecco, ad un manuale per gdr forse non è richiesta tutta questa raffinatezza ma che nessuno dica mai nulla al riguardo delle traduzioni, dopo aver speso anche 60 euro, questo mi sembra poco serio. Spero si possa fare una critica costruttiva agli editori, facendo loro constatare che alcuni giocatori il testo lo leggono e vorrebbero leggerlo in un italiano decente e possibilmente senza errori tali da snaturare alcune regole stesse del gioco. Visti i prezzi di copertina in continuo aumento mi sembrerebbe il minimo ma forse in alcuni casi, per arrivare puntuali col titolo stampato alla data fiera di settore, dove sarà possibile avere una buona visibilità commerciale, si sacrifica il lavoro in termini di accuratezza e cura dei particolari. Sulle traduzioni dei giochi di ruolo sembra prevalere un ragionamento del tipo "già siamo fortunati ad avere l'edizione italiana, teniamocela così com'è e speriamo che la migliorino nella eventuale ristampa". Il mondo dei giochi in scatola, su questo aspetto, può vantare numeri più alti e probabilmente una risonanza negativa maggiore degli errori/orrori di traduzioni delle case editrici.
Troppi titoli, tempi di preparazione frettolosi e risultati che risentono di questa fretta che forse toglie precisione ad un lavoro artigianale come quello della traduzione e della revisione dei testi; e così si giunge ad errori da matita rossa. E i casi sono così tanti che non si riesce a capire se è tutto dovuto solo alla frenesia dei tempi di consegna o se non siamo effettivamente in regressione linguistica (si parla di analfabetismo funzionale). Giusto per citare un esempio più recente devo ammettere che, pur con tutta la stima che nutro per Dreamlord Press, ho deciso di non comprare Eagle Eyes per via dell'errore nel sottotitolo dove le aquile diventano acquatiche. Aspetterò la ristampa!

Quindi un appello agli editori da parte mia: meno fretta più revisione dei testi e desiderio di leggere in un buon italiano anche un semplice manuale di regole.


Commenti

Post popolari in questo blog

On Mighty Thews - Recensione

Avevo scritto che non volevo presentare recensioni questo blog quindi per non sbugiardarmi del tutto scriverò una mini-recensione di On Mighty Thews di Simon Carryer, pubblicato in italiano da Coyote Press nel 2015.

COSA PROPONE ON MIGHTY THEWS? Il gioco vi propone di avventurarvi nel genere dello sword and sorcery, in poche parole il fantasy in stile "Conan il barbaro" o "Fafhrd e Graymouser". Un tipo di fantasy dove la magia assume forme rituali ancestrali e pericolose, dove i popoli ricordano le antiche culture terrestri di epoche arcaiche (dall'antico Egitto alla Roma imperiale, dai popoli barbarici del nord Europa alle culture tribali africane): gli eroi, inoltre, sono spesso personaggi che vivono di espedienti, mossi da istinti molto marcati (passione, avidità, vendetta, audacia sconsiderata, sete di potere). Questi sono solo alcuni archetipi di base di questo genere, poi molti autori diversi li hanno declinati a loro piacimento. Il libretto di gioco è di…

Mondi di carta addio!

Nelle librerie dei giocatori di ruolo più legati all'approccio tradizionale, una buona fetta di spazio è da sempre occupata dai manuali di ambientazione. Tomi spesso poderosi e coloratissimi che descrivono mondi mai esistiti nei quali ambientare, appunto, le avventure dei personaggi di fantasia dei giocatori: alcune di queste pubblicazioni sono caratterizzate da una cura quasi maniacale nella descrizione della storia di interi continenti, culture e religioni. Le ambientazioni di genere fantasy sono quelle che sono sempre andate per la maggiore, ma senza nulla togliere alla mole di volumi prodotti per ambientazioni più eterodosse come Il Mondo di Tenebra della White Wolf che pare eguagliato, per vastità del piano editoriale, solo dalla serie dei romanzi Harmony.





LE FANTA-ENCICLOPEDIE
Da quando ho iniziato a provare gdr di tipo moderno, ho riveduto molto la considerazione nella quale tenevo queste produzioni para-letterarie. Un tempo, nemmeno troppo lontano, anche i miei scaffali so…

13th Age e D&D 5: un breve parallelo

Negli ultimi mesi ho avuto modo di arbitrare, in tempi abbastanza ravvicinati, sia D&D 5 che 13th Age. Il primo utilizzando il modulo Lost Mines of Phandelver e il secondo, invece, con l'ambientazione di base del Dragon Empire e un'avventura creata da me sulla base degli spunti fornitimi dai giocatori in fase di creazione del personaggio. Ricordo che D&D 5 è uscito nel novembre 2014, sotto l'egida di un colosso dell'intrattenimento qual'è Hasbro, mentre 13th Age, di Rob Heinsoo e Jonathan Tweet, esce nell'estate del 2013 per la ben più piccola Pelgrane Press.

Si tratta di due giochi che cercano di andare incontro ad alcune esigenze che il giocatore di questi tempi ha visto, sicuramente, disattese da edizioni precedenti dello stesso Dungeons&Dragons e di altri giochi del recente passato editoriale. Le parole d'ordine diventano; maggiore semplicità, narratività, protagonismo dei giocatori, linee editoriali più essenziali e ordinate. I due titoli …